1 2 3 4 5 6 7
« settembre 2018 »
LunMarMerGioVenSabDom
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NEWSLETTER
>> REGISTRATI <<
e resta aggiornato/a
su eventi e iniziative
Informativa privacy
LA NEWSLETTER
DELLA SETTIMANA

Webcam Live

Skip to Content

Pescatore di Sestri Levante - Scultore Leonardo Lustig

  • Italiano
  • English
  • Deutsch
  • Français

Home-Contatti

Stile pagina

Current Style: Standard

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Segni Pittorici 2018. Perduta nel paesaggio, mostra di opere e disegni di Maria Rocca. Laboratori, Workshop

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF
16/06/2018 13:01
08/07/2018 13:01

Fino all'8 luglio a Palazzo Fascie Rossi. Il progetto Segni pittorici 2018 si articola in una mostra d'arte di Maria Rocca, alcuni laboratori per bambini (il 14,21,28 giugno e il 5 luglio) e un workshop di pittura per adulti (il 7 luglio)

31855749_188802845098705_693841727466766336_n.jpg

Organizzatore:
MuSel

Sede della manifestazione:
Sala espositiva 2, 2° piano Palazzo Fascie Rossi, Corso Colombo 50

Data manifestazione:
16/06 - 08/07/2018

Inaugurazione sabato 16 giugno ore 17:00

Orario apertura: 10.00/13.00-14.00/17.00

Ingresso libero

 

COMUNICATO STAMPA

Sestri Levante, giugno 2018

Presentazione progetto Segni pittorici 2018

Segni pittorici è un progetto didattico, a cura di Maria Rocca, nato nel 2016 per il MuSel di Sestri Levante. Le prime due edizioni sono state caratterizzate da una serie di laboratori rivolti a bambini e ragazzi, incontri che si sono proposti come un momento di scoperta del Museo Archeologico e della Città, ma anche come esperienza di gioco e sperimentazione artistica, alla ricerca di una grammatica dell’arte, per trovare segni ricorrenti tra arte rupestre e arte moderna.
La nuova edizione, inserita nella programmazione culturale del MuSel per l’estate 2018, si arricchisce dell’esperienza artistica di Maria Rocca che nel progetto unisce la propria ricerca visiva e l’attività didattica. Il progetto Segni pittorici 2018 si articola infatti in una mostra, alcuni laboratori per bambini e un workshop per adulti.


MOSTRA D’ARTE
16 giugno - 8 luglio
Perduta nel paesaggio
Opere di Maria Rocca

L’allestimento – come dice Maria Rocca – mette in scena un racconto, la narrazione di viaggi da un luogo ad un altro. Passaggi che determinano appartenenze ed estraneità. Che hanno in sé elementi per un identitario. Il titolo evoca uno spaesamento, ma allo stesso tempo lo stare nel paesaggio, fino a che questa condizione corporea muta la percezione, di sé e dei luoghi.
Così luoghi natii vengono evocati, mentre il nuovo è attraversato e diventa in qualche modo appartenenza, facendo emergere l’identità come eredità e memoria, ma anche come sconfinamento e possibilità.
I paesaggi dipinti sono visioni di dialoghi tra il dentro e il fuori, paesaggio che si è costruito mentre veniva camminato. La serie di fogli Perduta nel paesaggio nasce dagli spostamenti a piedi dell’autrice lungo alcuni itinerari dell’Appenino ligure. L’antropologo Matteo Meschiari afferma che il paesaggio come forma simbolica è una modalità innata del pensiero, un intreccio di strutture cerebrali e cognitive modellatosi nell’arco di centinaia di migliaia di anni a partire dalle esperienze sensoriali di Ominidi e Homo sapiens sapiens nei loro rispettivi ecosistemi. Quando percepito dall’uomo l’ambiente è già rappresentazione. Questi percorsi s’intrecciano con lo studio dell’arte primordiale, con i suoi segni e i suoi materiali di esecuzione. Il MuSel, che mostra ai visitatori le tracce della presenza dell’uomo nel territorio fin dal Paleolitico e dal Neolitico, diventa luogo di studio per l’artista. Un dialogo con il passato che non solo si estrinseca nel percorrere determinati territori ma anche con lo sperimentare alcuni materiali. Ecco che le carte contengono pigmento nero di manganese in polvere e nero fumo insieme ad acquerelli e inchiostro. Non è la rappresentazione tout court del reale ad interessare, quanto tutto ciò che l’esperimentato restituisce. A completare l’esposizione disegni e alcune tele di grandi dimensioni.

Sala espositiva - Secondo piano
Inaugurazione della mostra: sabato 16 giugno ore 17
Interverranno: Fabrizio Benente e Maria Rocca.

Orario di apertura della mostra dal 17 giugno all’8 luglio:
tutti i giorni 10 - 13 e 14 - 17. Ingresso libero.


LABORATORI E WORKSHOP

Parallelamente alla mostra vengono proposti una serie di laboratori per bambini dai 5 ai 12 anni e un workshop di pittura per adulti.
I segni pittorici tracciati dai bambini durante i laboratori diventeranno protagonisti, con le opere di Maria Rocca, della mostra al secondo piano di Palazzo Fascie, testimoniando un’indagine visiva su e in Sestri Levante. I fogli realizzati dai bambini saranno esposti all’interno della mostra “Perduta nel Paesaggio” e altri al MuSel.

Calendario

Laboratori per bambini

Giovedì 14 giugno, orario 10.30 - 12
Sestri Levante en plein air / Una passeggiata con disegno
Giovedì 21 giugno, orario 10.30 - 12
La meraviglia verde / Forme vegetali di giardini interiori
Giovedì 28 giugno, orario 10.30 - 12
Mappe, vedute e cartoline / Tracce dalla storia di Sestri Levante
Giovedì 5 luglio, orario 10.30 - 12
Figure nel paesaggio / Incisioni rupestri e storie illustrate

Costo di un laboratorio: € 15. Prenotazione obbligatoria.
Tutti i laboratori prevedono una parte pratica di disegno e pittura.

Workshop di pittura per adulti

Sabato 7 luglio, orario 10 - 13
Nel paesaggio infinito
Tracce nelle rocce / Segni dal mare / Elementi pittorici

Costo del workshop: € 35. Prenotazione obbligatoria.
Non sono necessarie particolari competenze nell’ambito del disegno. Adatto a tutti.


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
telefono 3395604713
info@mariarocca.com
www.mariarocca.com
Segni pittorici_2018

info museo
info@musel.it
telefono 0185 478530
www.musel.it

 

NOTA BIOGRAFICA
Maria Rocca nasce e si forma in Veneto, dove frequenta prima l’Istituto Statale d’Arte di Padova e poi l’Accademia di Belle Arti a Venezia. Conclude gli studi di Pittura all’Accademia con una tesi in pedagogia e didattica dell’arte.
La sua attività espositiva inizia all’interno dell’Accademia, quando con alcuni compagni di corso condivide progetti e mostre esponendo a Castelfranco Veneto (Tv), Portogruaro (Ve) e Venezia. Dopo lo scioglimento del gruppo lavora a progetti individuali e mostre collettive, espone a Venezia Roma, Padova, Friburgo.
Oltre all’attività espositiva realizza progetti artistici in diversi ambiti. Disegna per la Diocesi di Padova L’albero della Vita, bozzetto per la realizzazione di una grande vetrata artistica presso Casa Pio X, in occasione del Giubileo del 2000. A Roma pubblica, con Lamberto Salvan e Serena Aureli, il progetto editoriale La luce e il Segno. In Liguria collabora con Roberto Frugone e realizza i disegni e i dipinti per i lavori discografici UltreÏa e Rosa di Venti e di Venture. A Sestri Levante, presso la scuola dell’infanzia D.G. Stagnaro realizza il murales Flowers. Omaggio ad Andy Warhol.
Ha un’esperienza pluriennale al Museo Diocesano di Padova, con cui collabora ad oggi per l’ideazione dei progetti didattici della Rassegna Internazionale di Illustrazione: I colori del sacro.
Ha collaborato con Società Sistema Museo presso i Musei di Strada Nuova a Genova.
Collabora con Il MuSel Museo Archeologico e della Città di Sestri Levante per cui ha scritto i progetti didattici Storie di Segni e Segni pittorici.
Collabora con la Società Economica di Chiavari per il progetto A scuola con il Museo, sua l’ideazione di Paesaggi di Mare. L’arte interpreta la Riviera, laboratori didattici che si svolgeranno ai Musei di Palazzo Ravaschieri a partire dal prossimo anno scolastico.
Attualmente vive e lavora in Liguria.
 

 

Partecipano: